La batteria di un pulisci vetri

23 Mag

La batteria di un pulisci vetri

Uno dei fattori che dobbiamo tenere in conto prima di acquistare un pulisci verti è sicuramente legato alle prestazioni della batteria. Ad oggi quasi tutti i modelli di pulisci vetri automatici sono a batteria e non esistono attualmente modelli alimentati a cavo o per lo meno non sono semplici da trovare. Ci sono una serie di parametri della batteria da considerare, primo fra tutti sicuramente l’autonomia, ossia la durata. In genere un’autonomia di 20, massimo 35 minuti, è quello che ci si può aspettare da un pulisci vetri. Occorre considerare in questo caso che il tempo per la pulizia di una finestra è di circa 2 minuti, e quindi possiamo dire che si tratta di un tempo ragionevole per fare tutte le pulizie domestiche. Ma se invece dovete pulire le vetrate di un negozio, o avete molti vetri da dover pulire, di sicuro un’autonomia di 30 minuti potrebbe non essere sufficiente. Alcuni pulisci vetri hanno anche una funzione di standby che attiva automaticamente la modalità di risparmio energetico della batteria. L’altra importante caratteristica della batteria è il tempo di ricarica, infatti può capitare di non riuscire a portare a termine il lavoro di pulizia e di doverlo riprendere ore dopo. Per un buon prodotto non deve essere necessario aspettare più di due ore e mezza prima dell’utilizzo, ma non è raro trovare modelli che hanno anche un tempo di ricarica di circa 4 ore o più.

Per quanto riguarda il tipo di batteria, si può optare per i pulisci vetri che montano una batteria al litio in quanto pesano di meno e non soffrono l’effetto memoria: questo significa in parole povere che è possibile mettere l’apparecchio in ricarica anche quando la batteria non è ancora del tutto esaurita senza che ciò ne comprometta la capacità di carica. In realtà lo svantaggio di questo tipo di batteria è che hanno una durata di vita prestabilita, indipendentemente dal loro utilizzo, e mano mano negli anni andranno a diminuire le loro prestazioni, per quanto accurata possa essere la manutenzione. Diciamo che è consigliabile per questo motivo acquistare una modello che abbia una batteria estraibile e sostituibile.

Il caricabatterie infine deve ovviamente sempre essere incluso all’interno della confezione. I modelli di ultima generazione sono spesso dotati di un cavo USB che permette di ricaricare l’apparecchio collegandolo a un altro dispositivo elettronico, oppure alla corrente elettrica.

Se volete scoprire tutti i modelli e le batterie che presentano cliccate su https://puliscivetrimigliore.it/